© 2010 by Viagginoriente Tour Operator

  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Pinterest
  • Instagram

L'atro volto dell'India - Karnataka

Alla scoperta delle Tribù dell'Orissa

Questo viaggio alla scoperta dell’Orissa nell’India del Sud vi porterà alla scoperta di un mondo di lussureggianti e verdi montagne con ricche risaie e terrazzamenti. Potrete incontrare alcune delle 62 tribù che abitano questo stato. In particolare la colorata ed inusuale Kondh, Gadabba e la famosa tribù Bonda, le cui società animiste sono totalmente separate ed in grande contrasto dalle tradizionali società Hindu che si trovano in tutta l’India. Esplorando i mercati settimanali, incontrerete donne con tatuaggi sul viso e sulle mani, strati di perline che coprono i seni nudi, collane di alluminio e una moltitudine di orecchini.

Programma di viaggio

1° GIORNO: Roma – Kolkata

Ritrovo dei partecipanti in aeroporto e operazioni di imbarco con volo per Kolkata. Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO: Kolkata – Bhubaneswar

Arrivo a Kolkata nella notte e volo per Bhubaneswar. Trasferimento in hotel. Assegnazione delle camere prenotate. Giornata dedicata alla visita di Bhubaneswar, la città dei Templi dell’India. Bhubanewar è un’importante centro di pellegrinaggio indù. Centinaia di Templi completano il paesaggio della città vecchia, che ne comprende più di 200. La nuova Bhubaneswar con i suoi edifici moderni si integra però perfettamente con i dintorni storici e più antichi. Uno tra i migliori dei suoi 600 templi è quello di Lingaraj, costruito nell’ XI secolo, che è anche il più grande a Bhubaneswar.

 

Il tempio di Lingaraj (coloro che non sono di religione indù non possono entrare nel Tempio, ma possono vederlo da fuori) è dedicato a Shiva, nota anche come ‘Lingaraj’ ed è adornato da magnifiche sculture. Il lago Bindusagar, situato al nord del tempio Lingarai, è una delle principali attrazioni turistiche del posto e sta ottenendo sempre più popolarità grazie alla possibilità di organizzare picnic sulle sue rive. Il Tempio Mukteshwar è uno dei templi più importanti di Bhubaneswar ed è stato costruito secondo uno stile molto simile a quello usato nella Scuola Kalinga di architettura del tempio.

 

Nel pomeriggio visita Konarak (70 km – circa 2 ore), una delle meraviglie dell’arte religiosa induista. Il tempio fu edificato dal Re Narashimha I della dinastia Ganga nel XIII secolo ed è legato alla leggenda della guarigione dalla lebbra di Shamba, figlio di Krishna, grazie all’intervento di Surya. Rientro a Bhubaneshwar (72 km – 2 ora circa). Cena e pernottamento in hotel.

3° GIORNO: Bhubaneswar – Chilika Lake – Gopalpur

Prima colazione in hotel. Partenza per il lago Chilika percorrendo la costa. Sosta ad un villaggio di pescatori, prosecuzione per Gopaplpur. Cena e pernottamento in hotel.

 

4° GIORNO: Gopalpur – Rayagada

Prima colazione in hotel. Si lasciano le sponde dell’Oceano Indiano, dopo una sosta ad alcuni villaggi di pescatori, per addentrarci sulle colline dell’Orissa fino a Rayagada. Cena e pernottamento in hotel.

5° GIORNO: Rayagada - Majhiguda – Dukum

Prima colazione in hotel. Siamo nella zona tribale dell’Orissa: la giornata è dedicato alla visita del Majhiguda market (50 km – 2h) e poi dei villaggi intorno a Dukum e vicino a Bishamakatak della popolazione di etnia Kondh. Cena e pernottamento in hotel.

6° GIORNO: Rayagada – Chattikona – Semiliguda/Jeypore

Dopo la prima colazione in hotel, partenza per Chattikona (40 Km – circa 1 ora) dove si visiterà il mercato della tribù dei Dongria Kond, caratterizzato da animati scambi e contrattazioni. I Dongria Kondh sono un’etnia piuttosto isolata e per questo aggressiva. I loro villaggi hanno pali sacrificali e numerosi luoghi di culto di cui sono gelosi custodi; se un estraneo entra in contatto con uno di questi totem, l’oggetto di culto diventa impuro e ostile alla madre-terra fino a compromettere la vita dell’intero villaggio. Prevalentemente agricoltori, hanno sviluppato le colture di ananas, tuberi, papaia, mango e banana, che fioriscono rigogliose nei pressi dei loro villaggi. Le abitazioni dei Dongria, basse e con tetti spioventi in paglia, sono diverse da quelle degli altri Kondh. Nel pomeriggio proseguimento per Semiliguda/Jeypore (160 Km – circa 4 ore). Arrivo e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

7° GIORNO: Similiguda/Jeypore – Escursione a Onkudelli

Prima colazione in hotel. Giornata dedicata ad un’escursione nei villaggi di Bonda e Gadhaba e visita del mercato tribale di Onkudelli (70 km – circa 2 ore), dove si riuniscono settimanalmente i membri delle tribù e dove è possibile ammirare le donne Bonda e Gadhaba con i loro costumi tradizionali. Di origine tibetobirmana, i Bonda sono una tribù tra le più primitive e bellicose, che ha mantenuto intatti i suoi costumi e le sue tradizioni. Vivono della caccia e della raccolta dei prodotti spontanei della terra, su inaccessibili colline a sud di Jeypore, e coltivano terreni poco fertili abbandonati dagli indù. La loro organizzazione del lavoro e le loro tecniche sono assai primitive. Noti anche come “Pigmei dell’Orissa” i Bonda parlano un dialetto che deriva dal Munda, lingua asiatica, e sono un’etnia che il lungo isolamento nel corso dei secoli ha reso incomprensibile anche per altre tribù appartenenti allo stesso ceppo linguistico.

 

I Gadaba, circa 70 mila individui, si dividono in tre diverse tribù: Boro Gadaba, Ollar Gadaba e Paranga. I Boro Gadaba sono considerati i veri depositari della cultura Gadaba. Gli Ollar e i Paranga si sono ormai affrancati dal loro status di tribali e hanno perso quasi completamente le loro caratteristiche tribali. Popolo di agricoltori e cacciatori, anticamente hanno lavorato presso altre tribù come braccianti e portatori (il termine Gadavb infatti indica una persona che porta pesi sulle proprie spalle). All’interno di ogni nucleo famigliare esiste una figura virtuale, il sadubhai, ovvero il dio-fratello, che viene considerato il protettore della famiglia ed entità reale nell’organizzazione della casa. Egli prende parte a tutti i momenti privati, alle cerimonie e alle manifestazioni pubbliche della famiglia nella società. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

8° GIORNO: Jeypore – Kunduli Market – Vishakapatnam – Kolkata

Prima colazione in hotel. Partenza per Vishakapatnam (220Km, 5h). Lungo il percorso sosta al mercato di Kunduli, dove si incontrano prevalentemente i Paraja. Arrivo a Vishakapatnam ed imbarco sul volo per Kolkata.

9° GIORNO: Kolkata – Roma

Da Kolkata volo di rientro per l’Italia.